Le classiche relazioni di cooperazione finora esistenti tra Stati membri dovrebbero essere sostituite da un sistema di libera circolazione delle decisioni giudiziarie in materia penale, sia intervenute in una fase anteriore alla sentenza, sia definitive, nello spazio di libertà, sicurezza e giustizia. Watch Queue Queue Alla luce di ciò, il 25 maggio 2020, la Quarta Sezione della Corte ha deciso, su proposta del giudice relatore, sentito l'avvocato generale, di accogliere la richiesta del giudice del rinvio di sottoporre il presente rinvio pregiudiziale a procedimento pregiudiziale d'urgenza. La Stanleybet Malta, che esercita la sua attività in Italia da circa venti anni, non è titolare né di una concessione né di una licenza di polizia. Il 18 settembre 2018 egli si è recato nei Paesi Bassi e, successivamente, in Italia. on 8 décembre 2011 in Intellectual Property FR, JURISPRUDENCE. Sentenze della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) aggiornamento: 12 ottobre 2020. Sentenza della Corte (Seconda Sezione) del 30 gennaio 2020. Anzitutto, come rilevato dall'avvocato generale al paragrafo 33 delle sue conclusioni, dall'interpretazione letterale di tale disposizione risulta che detta regola è strettamente connessa alla consegna risultante dall'esecuzione di uno specifico mandato d'arresto europeo, in quanto il testo di tale disposizione fa riferimento alla «consegna» al singolare. 28. EIUS utilizza i cookie. (C-243/01, EU:C:2003:597), del 6 marzo 2007, Placanica e a. sentenza della Corte di Giustizia Europea del 16/7/2020 sui giudici di Pace in Italia . Occorre ricordare che l'articolo 27, paragrafo 2, della decisione quadro 2002/584 enuncia la regola della specialità, secondo cui una persona non può essere sottoposta a un procedimento penale, condannata o altrimenti privata della libertà per eventuali reati anteriori alla consegna diversi da quello per cui è stata consegnata. Inoltre, come osservato dall'avvocato generale al paragrafo 37 delle sue conclusioni, tale interpretazione è corroborata dall'interpretazione contestuale di detta disposizione. 2. Sei già abbonato? Nei confronti delle parti nel procedimento principale la presente causa costituisce un incidente sollevato dinanzi al giudice nazionale, cui spetta quindi statuire sulle spese. 4. e altri c. Belgio La navigazione nel sito implica l'accettazione di tale utilizzo. Le spese sostenute da altri soggetti per presentare osservazioni alla Corte non possono dar luogo a rifusione. Tale società esercita in particolare, allo stesso titolo degli operatori di scommesse nazionali, un'attività di gestione di scommesse, la quale costituisce una condizione necessaria ai fini dell'assoggettamento all'imposta unica. È importante ricordare che la libera prestazione dei servizi, di cui all'articolo 56 TFUE, esige non soltanto l'eliminazione nei confronti del prestatore di servizi stabilito in un altro Stato membro di qualsiasi discriminazione fondata sulla sua cittadinanza, ma anche la soppressione di qualsiasi restrizione - ancorché applicabile indistintamente ai prestatori nazionali e a quelli degli altri Stati membri - quando è idonea a vietare, a ostacolare o a rendere meno attraenti le attività del prestatore stabilito in un altro Stato membro, ove fornisce legittimamente servizi analoghi (sentenza del 22 ottobre 2014, Blanco e Fabretti, C-344/13 e C-367/13, EU:C:2014:2311, punto 26). Di fondamentale importanza il caso M.N. Sentenze Corte di Giustizia Europea (Seconda Sezione), sentenza 10 dicembre 2020 Per continuare a leggere i contenuti di questa pagina è necessario essere abbonati Non sei abbonato o … L'assenso è accordato qualora il reato per cui è richiesto dia esso stesso luogo a consegna conformemente al disposto della presente decisione quadro. La dichiarazione di rinuncia è irrevocabile. Nel caso di specie, da un lato, se è pacifico che, a tale data, XC era privato della sua libertà sulla base della sentenza dell'Amtsgericht Niebüll (Tribunale circoscrizionale di Niebüll) del 6 ottobre 2011, ciò non toglie che anche il mandato d'arresto emesso dall'Amtsgericht Braunschweig (Tribunale circoscrizionale di Braunschweig) il 5 novembre 2018 può giustificare la detenzione di XC. Tutti i diritti riservati. La richiesta di assenso è presentata all'autorità giudiziaria dell'esecuzione, corredata delle informazioni di cui all'articolo 8, paragrafo 1, nonché di una traduzione, come previsto all'articolo 8, paragrafo 2. 27. 29. 39. 3. Secondo il giudice del rinvio, non sussiste alcuna giustificazione a un'eventuale restrizione alla libera prestazione dei servizi, dato che la normativa nazionale di cui trattasi nel procedimento principale perseguirebbe un obiettivo di natura meramente economica. Con la prima e la seconda questione, che è opportuno esaminare congiuntamente, il giudice del rinvio chiede, in sostanza, se l'articolo 56 TFUE osti ad una normativa di uno Stato membro che assoggetti ad imposta sulle scommesse i CTD stabiliti in tale Stato membro e, in solido e in via eventuale, gli operatori di scommesse, loro mandanti, stabiliti in un altro Stato membro. Il 19 settembre 2018 è stato emesso un mandato d'arresto europeo nei confronti di XC dalla procura di Flensburg, ai fini dell'esecuzione della sentenza dell'Amtsgericht Niebüll (Tribunale circoscrizionale di Niebüll) del 6 ottobre 2011. «1) Le persone consegnate da uno Stato membro a seguito di un mandato di arresto europeo non possono: 1. essere sottoposte a un procedimento penale, condannate o private della libertà per eventuali reati anteriori alla consegna diversi da quello per cui sono state consegnate (...). Ne consegue che, rispetto a un operatore nazionale che svolge le proprie attività alle stesse condizioni di tale società, la Stanleybet Malta non subisce alcuna restrizione discriminatoria a causa dell'applicazione nei suoi confronti di una normativa nazionale, come quella di cui trattasi nel procedimento principale. Condannato a una pena detentiva di un anno e tre mesi, egli è stato incarcerato in tale Stato membro. 44. n. 50/2016) 30.07.2020 Redazione. 2. A tale riguardo, occorre ricordare che la decisione quadro 2002/584 è intesa, come risulta in particolare dal suo articolo 1, paragrafi 1 e 2, letto alla luce del considerando 5, a sostituire il sistema multilaterale di estradizione fondato sulla Convenzione europea di estradizione, firmata a Parigi il 13 dicembre 1957, con un sistema di consegna tra le autorità giudiziarie delle persone condannate o sospettate, ai fini dell'esecuzione di sentenze o dell'esercizio di azioni penali, sistema, quest'ultimo, che è basato sul principio del riconoscimento reciproco [sentenza dell'11 marzo 2020, SF (Mandato d'arresto europeo - Garanzia di rinvio nello Stato di esecuzione), C-314/18, EU:C:2020:191, punto 37 e giurisprudenza ivi citata]. In tale contesto, detta persona può invocare la regola della specialità solo nei confronti del mandato d'arresto europeo emesso dalla procura di Flensburg il 19 settembre 2018 ed eseguito dall'autorità dell'esecuzione italiana. Occorre rilevare, infatti, che la normativa nazionale di cui trattasi nel procedimento principale non prevede un regime fiscale diverso a seconda che la prestazione di servizi sia effettuata in Italia o in altri Stati membri. II del 2017 numero C-218/16 (12/10/2014) This video is unavailable. P.Q.M.la Corte (Quarta Sezione) dichiara: L'articolo 27, paragrafi 2 e 3, della decisione quadro 2002/584/GAI del Consiglio, del 13 giugno 2002, relativa al mandato d'arresto europeo e alle procedure di consegna tra Stati membri, come modificata dalla decisione quadro 2009/299/GAI del Consiglio, del 26 febbraio 2009, dev'essere interpretato nel senso che la regola della specialità di cui al paragrafo 2 di tale articolo non osta a una misura restrittiva della libertà adottata nei confronti di una persona oggetto di un primo mandato d'arresto europeo a causa di fatti diversi da quelli posti a fondamento della sua consegna in esecuzione di tale mandato e anteriori a tali fatti, qualora tale persona abbia lasciato volontariamente il territorio dello Stato membro di emissione del primo mandato e sia stata consegnata al medesimo, in esecuzione di un secondo mandato d'arresto europeo emesso successivamente a detta partenza ai fini dell'esecuzione di una pena privativa della libertà, a condizione che, in relazione al secondo mandato d'arresto europeo, l'autorità giudiziaria dell'esecuzione di quest'ultimo abbia dato il proprio assenso all'estensione dell'azione penale ai fatti che hanno dato luogo alla suddetta misura restrittiva della libertà. Dall'altro, la Stanleyparma, chiamata a versare l'imposta di cui trattasi, sarebbe assimilata a tali concessionari, la cui attività è tuttavia diversa. (C-338/04, C-359/04 e C-360/04, EU:C:2007:133), del 16 febbraio 2012, Costa e Cifone (C-72/10 e C-77/10, EU:C:2012:80), nonché del 28 gennaio 2016, Laezza (C-375/14, EU:C:2016:60),] e in materia di discriminazione fiscale, di cui, in particolare, alle sentenze [del 13 novembre 2003, Lindman (C-42/02, EU:C:2003:613), del 6 ottobre 2009, Commissione/Spagna (C-l53/08, EU:C:2009:618), e del 22 ottobre 2014, Blanco e Fabretti (C-344/13 e C-367/13, EU:C:2014:2311)], ed i principi di diritto dell'Unione di parità di trattamento e non discriminazione, anche alla luce della sentenza della Corte Costituzionale del 23.01.2018, devono essere interpretati nel senso che ostano ad una normativa nazionale del tipo di quella italiana in causa, che prevede l'assoggettamento all'Imposta Unica (...), degli intermediari nazionali della trasmissione dei dati di gioco per conto di operatori di scommessa stabiliti in un diverso Stato Membro dell'Unione Europea, in particolare, aventi le caratteristiche della società [Stanleybet Malta], ed in via eventuale, dei medesimi operatori di scommessa in solido con i loro intermediari nazionali. Il sito non riveste alcun carattere di ufficialità, nè alcun collegamento con gli organi giurisdizionali. 23. 2. La Corte di Giustizia Europea con la recente sentenza C-367/19 del 10 settembre 2020 ha fissato un importante principio prevedendo l’analisi dell’offerta anche se con prezzo pari a zero. 3. del 2014 numero C364/13 (18/12/2014) Corte di Giustizia Europea, Grande Sez. 34. Esso ha inflitto a quest'ultimo una pena detentiva cumulativa di sette anni, che tiene conto della sentenza dell'Amtsgericht Niebüll (Tribunale circoscrizionale di Niebüll) del 6 ottobre 2011. A tal proposito, occorre nondimeno constatare che, a differenza dei CTD che trasmettono i dati di gioco per conto degli operatori di scommesse nazionali, la Stanleyparma raccoglie scommesse per conto della Stanleybet Malta, che ha sede in un altro Stato membro. Si, accetto Maggiori informazioni. 35. A tale riguardo, il giudice del rinvio espone che, da un lato, il mandato d'arresto emesso dall'Amtsgericht Braunschweig (Tribunale circoscrizionale di Braunschweig) il 5 novembre 2018 può ostare a una sospensione dell'esecuzione della suddetta pena. Servizi / Sentenze Energia / 03-11-2020 Corte di giustizia dell’Unione Europea, Sezione VII, sentenza 17 settembre 2020, C-92/19 Impianti di cogenerazione – Regime di sostegno – Applicabilità agli impianti non “ad alto rendimento”, anche dopo il 31 dicembre 2010 – Contrasto con il diritto UE – Esclusione. 5.6K likes. Il giudice del rinvio chiede di sottoporre il presente rinvio pregiudiziale al procedimento pregiudiziale d'urgenza previsto dall'articolo 107 del regolamento di procedura della Corte. Il 22 agosto 2018 la Staatsanwaltschaft Flensburg (procura di Flensburg, Germania) ha chiesto al Tribunal da Relação de Évora (Corte d'appello di Évora), in quanto autorità giudiziaria dell'esecuzione del mandato d'arresto europeo indicato al punto 11 della presente sentenza, di rinunciare all'applicazione della regola della specialità e di acconsentire all'esecuzione della pena inflitta dall'Amtsgericht Niebüll (Tribunale circoscrizionale di Niebüll) il 6 ottobre 2011. In linea le traduzioni delle decisioni della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo in tema di: Equo processo e ricorso effettivo Sentenza 5 dicembre 2019 – Ricorso n. 35516/13. 32. del 2019 numero C361/18 (06/06/2019) Corte di Giustizia Europea, Sez. Ai sensi dell'articolo 1, comma 644, lettera g), della legge del 23 dicembre 2014, n. 190 - Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2015) (supplemento ordinario alla GURI n. 300, del 29 dicembre 2014), l'imposta unica si applica «su di un imponibile forfetario coincidente con il triplo della media della raccolta effettuata nella provincia ove è ubicato l'esercizio o il punto di raccolta, desunta dai dati registrati nel totalizzatore nazionale per il periodo d'imposta antecedente a quello di riferimento». By filling out the form we will send you by email, free of charge, the original volume of this publication