od anche la dinastia industriale degli Agnelli, lo stile sabaudo ha caratterizzato di per sé la nostra regione», cfr. Una collezione delle maglie di Juventus. [65], Altro esempio di rilievo fu la maglia verde fornita da Kappa alla formazione Primavera juventina e sfoggiata nelle trasferte a cavallo tra gli anni 1970 e 1980. All'inizio della stagione 1958-1959, dopo aver ottenuto l'approvazione della FIGC, venne cucita sulla maglia una «stella d'oro a cinque punte»[17] a seguito del decimo titolo italiano conquistato pochi mesi prima, al tempo il nuovo record nazionale per titoli vinti nella massima serie nazionale: ciò rappresentò il primo caso, nella storia del calcio, in cui venne introdotto un distintivo atto a simboleggiare la vittoria di un certo numero di trofei, un'icona che sarà in seguito replicata da numerose squadre di club e nazionali nel resto del mondo. [13] Secondo quanto attestato nelle memorie del fondatore e in seguito presidente Enrico Canfari, fu a questo punto che si fece avanti un inglese, Gordon Thomas Savage, tra i soci del club e commerciante all'ingrosso di prodotti tessili a Torino, nonché giocatore di calcio nell'International Foot-Ball Club oltreché arbitro in alcune partite ufficiali: questi, visto l'ormai stinto rosa pallido delle camicie dei giocatori juventini, propose loro di sostituirle comprando in Inghilterra delle nuove divise, rosse con bordini bianchi, simili a quelle utilizzate dal Nottingham Forest. La partita, disputata allo Stadio Romeo Menti di Vicenza il 10 febbraio 2007, è terminata 2-2. Da notare come fin qui, la fornitura tecnica riservata ai portieri era un qualcosa di separato dal resto della squadra, con i primi che potevano quindi accordarsi con marchi differenti da quelli che vestivano i loro compagni di movimento;[21] gli estremi difensori juventini erano comunque tenuti ad applicare i canonici sponsor ufficiali della squadra anche sulle proprie maglie. !comunque sei proprio sicuro che la vuoi??? «La Juventus è la compagna della mia vita, soprattutto un'emozione. [6] Personalizza la tua con il tuo Nome e Numero o con quelli del tuo eroe di questa stagione! Ampia collezione maglie Juve retrò degli anni '70, '80, '90 con gli sponsor storici Danone, Sony e altri Feedback: (9) 100% MAGLIA CALCIO UFFICIALE JUVENTUS JUVE 2006 Shirt jersey maglia juventus M origin. Visita eBay per trovare una vasta selezione di maglia juventus 2007 08. Il Barcellona era stato l'ultimo avversario affrontato da Pirlo da giocatore con la maglia della Juventus, in occasione della sfortunata finale del 2015 a Berlino. antiestricrobica, antimacchia.il legame con la famiglia agnelli,che dura dal 1923,è il … [84] Sopra tale monogramma è inserito orizzontalmente il wordmark JUVENTUS scritto con un carattere creato specificamente per il club, denominato Juventus Fans, composto da cinque stili tipografici diversi che invocano insieme le proprie tradizioni industriali e quelle delle origini,[84] in bianco su campo nero:[82], «[...] Il nuovo logo è iconico e universale. Le classiche righe bianco/nere, avranno una diversa inclinazione, per adeguarsi al nuovo stile Juventus. [21] I modelli creati da qui in avanti da Kappa, primo marchio a proporre una simile politica stilistica, tornarono più semplici nei colori e nel disegno, con template che s'ispiravano alla seconda divisa juventina dell'epoca:[21] viene ricordata su tutte la maglia gialla con stelle blu sulle spalle, vestita da Peruzzi nella vittoriosa finale della UEFA Champions League 1995-1996. Altre caratteristiche essenziali della società bianconera sono la longevità della sua proprietà, che perdura in maniera pressoché ininterrotta dagli anni 1920, un particolare modello di gestione riassunto nell'endiatri nota come «tre S» — «Semplicità, Serietà, Sobrietà»[7] —, l'estesa diffusione che contraddistingue la propria tifoseria, slegata da confini geografici o classi sociali, e «un'invidia [nei confronti del club] altrettanto diffusa». Tale divisa accompagnò i bianconeri nella vittoria della finale della Champions League 1995-1996. [6] Nel 1929 venne introdotto uno stemma bicromatico composto da nove strisce bianconere dentro lo scudo ovale, il nome del club su fondo nero contornato da una linea colore bianco e, occupando la metà inferiore dello stemma, una zebra in posizione rampante rivolta verso l'Ovest ispirata in un'icona disegnata originalmente per la Juventus dal vignettista Carlin nel 1928, che la propose «per antica nobiltà» e la presentò inserita all'interno di un scudo francese antico nero sulla rivista Guerin Sportivo sulla fine di quell'anno. Questo porta avanti una rinnovata identità societaria[82] «che vuole superare gli schemi tipici della tradizione calcistica ed esprime[re] il coraggio della discontinuità»[83] Molto simile alla maglia azzurra indossata dall'Italia, l'uniforme voleva per l'appunto rimarcare l'italianità della Juventus, in quel frangente unica squadra di club del bel paese ancora in gioco in campo internazionale. [81] All'interno dello scudo si possono osservare i seguenti elementi: nella parte superiore il nome della società impresso in un'area bianca convessa, al di sopra di una curva color oro, la quale simboleggia l'onore;[81] nella parte inferiore è ravvisabile la forma di un toro furioso, simbolo del Comune di Torino, sormontato da una corona turrita. [148] Sia i supporter che i componenti della squadra vantano anche altri soprannomi quali I Bianconeri, dato che gli storici colori della divisa casalinga sono il bianco e il nero — e seguendo la tradizione anglosassone e britannica di appellare i club sportivi secondo le tinte societare[149] —, e Le Zebre o Zebrati, per via della mascotte societaria e delle strisce che storicamente contraddistingono la maglia juventina. Vedi maglie dei tifosi o compri l'ultimo maglia di Juventus . questa ragazzi dovrebbe essere la maglia della juve del prossimo anno, o x lo meno è quella presentata dalla società, se qualcuno magari la può creare x pes6 in hd o non credo farebbe una cosa utile x tutti. Infine, otto mesi più tardi, il redesign della identità di marca juventina è stato riconosciuto nella classifica The Best and Worst Identities of 2017 condotta dalla rivista specializzata statunitense Brand New, essendo inserito al primo posto nella categoria The Most Notable, Reviewed & Noted[89] e al sesto posto nella categoria The Best Reviewed. È uno dei club più antichi della Campania e del Mezzogiorno d'Italia. Questa, nata da un'idea dell'allora dirigente juventino Italo Allodi, debuttò sul finire della stagione 1970-1971, realizzata specificatamente per la finale di ritorno della Coppa delle Fiere da giocarsi il 3 giugno 1971, in Inghilterra, contro il Leeds Utd: la seconda casacca dell'epoca del club bianconero, bianca, sarebbe infatti andata a confondersi cromaticamente con il tradizionale completo casalingo degli Whites. Stipendio, età, moglie, figli, dove vive, carriera, hobby e passioni del portiere tra i più forti della storia. Maglie Juve 2006-2007 in quel di Rebibbia, le maglie che la Juventus utilizzerà durante la stagione 2006-2007. [16] In quegli anni la maglia subisce un ritocco: uno scollo a «V» bianco sostituisce il colletto. [75] Subito dietro si attestano i legami con adidas, in essere dalla stagione 2015-2016,[75] e con Lotto nel triennio 2000-2003; in quest'ultimo caso, nella stagione 2000-2001 il club affiancò al marchio trevigiano il cosponsor CiaoWeb, portale web che de facto assurse a sponsor tecnico dell'annata. La stagione 2014-2015 vide il ritorno di una terza casacca pensata all'occasione, che dopo oltre cinquant'anni rispolverò il colore verde;[46] una simile scelta venne replicata nell'annata 2017-2018, in maniera ancor più rétro, dal nuovo sponsor tecnico adidas che, attraverso un concorso online tra la tifoseria, propose una rielaborazione della maglia di cortesia juventina vista nel secondo dopoguerra, verde con fascia bianconera sul petto. I pantaloncini, anch'essi di colore bianco, possiedono una riga laterale tricolore a zigzag e si abbinano perfettamente al resto della divisa. [6], Dal 1940 al 1971 i colori impiegati nello stemma juventino furono prettamente il bianco e nero, con una fugace apparizione del grigio. Poi la parentesi a Milano in rossonero, quella a Londra col Chelsea, entrambe da dimenticare, e il ritorno alla Juve. Rimane agli annali l'esperimento dei primi anni 1940, una casacca bianca dal particolare design, recante una grande lettera «J» nera in mezzo al petto[20] — che tuttavia ottenne notorietà grazie all'uso che ne fece maggiormente il portiere juventino del tempo, Giuseppe Peruchetti. Gigi Buffon, le 10 curiosità che non conoscevi. Lo stemma della Juventus, reso pubblico per la prima volta nel 1905, non subì variazioni in termini di disegno dalla fine della prima guerra mondiale, diventando un simbolo sportivo perenne nel tempo. [72], Il primo e più duraturo sponsor tecnico della Juventus è stato Kappa, azienda torinese che ha fornito le divise bianconere dalla stagione 1978-1979[73] a quella 1999-2000, per un legame che ha fatto la storia del calcio protraendosi ininterrottamente per ben 22 anni. Tra la fine degli anni 1980 e l'inizio degli anni 1990, gli sponsor tecnici cominciarono a godere di maggiore libertà in fase di disegno delle divise degli estremi difensori bianconeri. Stemma utilizzato dal 1971 al 1990; il club vi affiancherà dal 1979 il secondary logo della zebra rampante. Indossa le nuove maglie da gioco Juventus della stagione 2020-2021. Silhouette della zebra rampante usata da fine anni 1970 ai primi anni 1990. La maglia blu away della Juventus FC, versione gara del match contro la Lazio, valido per la 16° giornata di Serie A TIM 2007/08, dello storico capitano Alessandro Del Piero. Tutte le nostre maglie 2016/17 sono sempre personalizzate gratuitamente anche con lo … [111], In mezzo a queste, nel 1996, in vista delle celebrazioni per il centenario del club, Juvecentus, venne appositamente creata Bun Bun, una stella vestita in maglia bianconera e antropomorfizzata a mo' di calciatore, atta ad accompagnare tutte le manifestazioni inerenti il primo secolo juventino. Accappatoio Juve. Il trattamento grafico si basa su un arioso gioco di contrasto tra bianco e nero; il nome Juventus è più leggibile, grazie a un carattere chiaro e moderno, ed è sottolineato da un tratto grafico giallo che costituisce il punto di luce del marchio. Shop - calcio - Juventus store Nike Maglia Juventus 2006/07 Junior. Maglia Juventus 2007/2008 ... non si può firmare un petizione o roba del genere? Ma ufficiosamente si può dire che Tiago nella prossima stagione giocherà con la maglia della Juve". Juve, ecco la maglia da trasferta 2012/2013: niente stelle su quelle da gara. All'esordio ufficiale nel campionato nazionale del 1900, le tinte sociali della Juventus erano il rosa e il nero, allora i colori sportivi del liceo in cui studiarono i fondatori e primi soci del club. [2], «[La] Juve indossa le maglie [bianconere] da allora, considerando i colori aggressivi e forti. Maglia Juventus 2006/2007. A Monaco vince due volte la Bundesliga e diverse coppe, nazionali e internazionali, oltre all'Europeo del 1996 con la maglia del Mannschaft. Maglia Juventus Cristiano Ronaldo 7 CR7 Replica Autorizzata 2018-2019 Bambino (Taglie-Anni 2 4 6 8 10 12) Adulto (S M L XL) (8 Anni) 4,2 su 5 stelle 171. [97], Nel 1991 Edizioni musicali Eraora ha pubblicato Semper Juventus (Sempre Juventus in lingua italiana), scritto e musicato dal professore Natalio Capranico, che l'inserì nell'album Antologia Musicale;[98] il quale sarebbe l'inno ufficiale del club fino alla stagione 1997-98;[99] in cui è stato sostituito da Grande Juve, bella signora, come parte di un progetto pubblicato dalla casa discografica italiana Fonit Cetra. Politica news: tutta la politica italiana 24h ... Testata giornalistica Aut.Trib. Maglia Juventus, contro Genoa kit speciale per la squadra di Maurizio Sarri. La formazione juventina che vinse il suo primo scudetto nel 1905, due anni dopo l'abbandono della maglia rosa, portava sul petto otto righe che successivamente subirono una variazione: da un minimo di sette passarono a un massimo di nove — come quelle delle formazioni che si ricordano nel Quinquennio d'oro (1931-1935). Caratteristiche: - Maglia bianconera home a maniche lunghe - Stemma della Juventus applicato sul petto - Sponsor Nike - Patch Serie A TIM applicata su manica destra - Made in Morocco - Etichetta interna applicata in sublimatico [62], Nel corso della storia juventina si segnalano inoltre altre divise, utilizzate fugacemente in occasioni speciali. [48], Per i portieri juventini la tradizione è rappresentata dal nero, tinta che dominò durante le epoche di Sentimenti IV, Giovanni Viola[10] e Roberto Anzolin, e in seconda battuta dal grigio, colore reso iconico da Dino Zoff — anche con la nazionale italiana —;[49] singolare quanto avvenne a metà degli anni 1980, quando l'unione tra questi due colori generò una divisa con busto grigio, e spalle e maniche nere. Tutti i numeri di maglia di Patrick Vieira del/la Karriereende. Inoltre la forma del colletto cambiò in circolare. Fine. Sia la divisa blu sia la gialloblù finirono per contrassegnare alcune delle più importanti vittorie internazionali della Juventus nel Novecento — rispettivamente, la Coppa UEFA 1976-1977 e la Coppa delle Coppe 1983-1984 —, rimanendo da allora nella memoria dei tifosi bianconeri.[10]. [6] Esso racchiude, tra i suoi principali elementi, il nome del club, i colori societari adottati nei primi anni del XX secolo e il toro furioso preso dall'araldica cittadina; durante gli anni 1970, per un breve periodo tale figura fu sostituita dalla stilizzazione di una zebra rampante, anch'essa già simbolo associato alla squadra dall'inizio del Novecento. C'e' pero' la volonta di fare bene; vado a Empoli che e' una piazza importante e dove … Lasciando intatti le strisce bianche e nere che contraddistinguono la squadra, la Juventus sta portando con sé l'illustre eredità e lo spirito di una delle squadre preminenti d'Italia a un nuovo pubblico e tifosi duri a morire allo stesso modo.», La rinnovata identità visiva della Juventus è stata premiata nel 2017 alla 55ª edizione dei D&AD Professional Awards di Londra, evento internazionale specializzato in disegno e direzione artistica: il logo del club ha ricevuto il Graphite Pencil della categoria Branding Schemes, Large Organisation, mentre il carattere Juventus Fans ha ottenuto il Wood Pencil della categoria Crafts for Design, Typefaces. «Fino alla fine» nel cuore e sulla maglia, Europe's grand old lady Juventus return to Champions League Final. — a formare un arco; dopo l'assegnazione del ventesimo titolo nazionale al club piemontese e, di conseguenza, della seconda stella, entrambi i simboli furono affiancati sui lati del nome. La stessa casacca juventina, sia nella foggia che nel disegno, resterà praticamente immutata da qui in avanti sino al termine del decennio. [117], «Stare alla Juve era come lavorare alla FIAT. [30] Per il 2014-2015, ultima annata in cui Nike veste il club torinese, la maglia presenta una numerazione nera su fondo bianco, nonché un primo tentativo d'interazione con la tifoseria attraverso un sondaggio online, che sfocia nell'apposizione del motto societario «Fino alla fine» all'interno del colletto. Subito penso alla Juve», cfr. La maglia bianconera home della Juventus FC, versione gara di Serie A TIM 2007/08, del difensore portoghese Jorge Andrade. In entrambe le gare l’US è sceso in campo con la terza divisa ed i risultati sono stati ottimi tanto che sui social più di qualche tifoso ha chiesto di giocare sempre con questa maglia. La terza maglia della Juventus 2014-2015, il verde arriva dal passato, Vignola interpreta bene la parte di Platini, Brio in dubbio per il match di Lecce, Juve, 7-1 all'Al Hilal, doppietta di Del Piero, Se il calcio cambia colori. [5] Nel corso del Novecento, dopo la svolta verso il professionismo del calcio italiano, sulla maglia di gioco vennero inseriti distintivi quali la numerazione tattica, alla fine degli anni 1930, e i marchi degli sponsor tecnici e ufficiali del club, a cavallo tra gli anni 1970 e 1980. [13], Pochi anni dopo la fondazione, le divise rosanero avevano già fatto il loro tempo in casa juventina, sia perché irrimediabilmente usurate dalla pratica sportiva,[11] sia perché il rosa era ormai visto da più parti come una tinta non molto mascolina. Ed eccola qui la nuova maglia Unione Sportiva Città di Palermo - Wikipedia In seguito, per un discreto lasso di tempo, la Juventus non ebbe a disposizione una terza divisa "originale", ovvero creata per l'occasione: dal 2006-2007 al 2013-2014, il fornitore tecnico Nike decise infatti di riutilizzare ogni volta, per questo ambito, le seconde divise dell'annata precedente. Va tuttavia specificato come, nonostante il succitato arrivo di Kappa a "firmare" le divise bianconere del tempo, financo alla stagione 1988-1989 le sole maglie venivano fornite dal piccolo Maglificio Savio-Romano:[19] a tali casacche, realizzate ancora artigianalmente in cotone, solo successivamente lo sponsor tecnico "ufficiale" si limitava ad apporre il proprio logo[19] — oltreché a curarne la vendita presso i tifosi, tramite il nascente settore del merchandising sportivo. Quanta Juve ai telegatti!Buffon e Del Piero hanno sbancato il Gran Galà della televisione italiana: ieri sera, nell’Auditorium Conciliazione di Roma, i due bianconeri sono stati premiati rispettivamente con il Telegatto di platino e con quello d’oro.Meglio di tutta la Nazionale Campione del Mondo e di un fenomeno come Valentino Rossi: Alex Del Piero ha… Infine, lo stemma societario fu cucito sulle divise bianconere per la prima volta a metà degli anni 1990. L'ultima versione di questo storico stemma, realizzata dall'agenzia statunitense Interbrand[81] e introdotta a Lisbona nell'ambito del campionato d'Europa 2004,[82] rappresenta un profondo redesign del precedente. La passion pour le football à Marseille et à Turin, Il pallone racconta: Un secolo di bianconero (tutte le maglie della Juventus 1903-2003), Juventus primo amore. La maglia non ha subito alcun lavaggio. Excellent condition Variazione in negativo del wordmark JUVENTUS, scritto con il carattere originale Juventus Fans. Web .-ReDavide- Maglie Juve 2006-2007 in quel di Rebibbia, le maglie che la Juventus utilizzerà durante la stagione 2006-2007. [15], Fatto sta che, ricevuto l'incarico, Savage si mise in contatto con una fabbrica tessile di Nottingham e inviò l'ordine d'acquisto, accompagnandovi come campione la più maltrattata delle vecchie camicie rosa. "Sono contento di questa soluzione anche se e' un momento particolare, dopo 13 anni in bianconero lascero' la squadra e non sara' facile vedermi con una maglia diversa da quella della Juve. [144], La Juventus ha come principale soprannome quello di Signora o, in lingua piemontese, Madama, appellativo che fa riferimento alle origini della società. La maglia bianconera home della Juventus FC, ufficiale della stagione 2007/08, personalizzata con nome e numero dell'ex centrocampista ceco Pavel Nedved. [18] La prima divisa rimase così, senza subire cambiamenti, esattamente per un decennio. Solo nel periodo interbellico e nel secondo dopoguerra si segnalò l'unica e saltuaria variazione di rilievo, una casacca verde portata sporadicamente al debutto all'inizio degli anni 1930, e in seguito ripresa a cavallo degli anni 1940 e 1950, stavolta ulteriormente cerchiata da una fascia bianconera. [124][125] Ebbe un ruolo decisivo nella svolta verso il professionismo e nell'ulteriore affermazione popolare del calcio in Italia,[120][126] influendo — direttamente o indirettamente — anche nelle decisioni dirigenziali di altri club a partire dal secondo dopoguerra (come il Torino alla fine degli anni 1930,[127] l'Inter sul finire degli anni 1950[128] e il Milan nella seconda metà degli anni 1980[129]), ed emergendo quale modello organizzativo di riferimento per lo sport nella Penisola. Caso particolare, questo ha preso col tempo una doppia valenza: se inizialmente veniva declinato principalmente in maniera spregiativa verso i giocatori e tifosi della Juventus, da parte dei sostenitori delle squadre rivali, col passare degli anni è stato invece fatto proprio dagli stessi supporter bianconeri, e da allora fieramente ostentato — il cosiddetto «orgoglio gobbo» — come sinonimo di un comportamento «deciso, voglioso, grintoso e determinato su tutti i fronti».[152]. 6 Palmarès 1897 Fondazione dello Sport Club Juventus. Il periodo trapattoniano della storia bianconera, è poi contraddistinto da un nuovo cambiamento: ritornano infatti le righe medie su maglie ora meno aderenti al corpo, sempre con numerazione bianca su fondo nero, precisamente dal 1979 — quando, per la prima volta, comparì il logo di un fornitore tecnico, la Robe di Kappa — al 1993 e nuovamente dal 2001 al 2004;[10] precisamente nel 1979 la Lega Nazionale Professionisti autorizzò le squadre a mostrare il marchio dello sponsor tecnico (che viene collocato sulla parte destra della divisa, sui pantaloncini e sui calzettoni), evento seguito nel 1981 dalla liberalizzazione delle sponsorizzazioni commerciali, che permise l'esposizione di marchi pubblicitari nella parte frontale della maglia. maglia juve 2007/2008 « Older Newer ... Posts 5,873 Reputation 0 Location Svervegia Status Offline. Visita eBay per trovare una vasta selezione di maglia juve 2006 2007. La maglia bianconera home della Juventus, ufficiale da store della stagione 2007/08, personalizzata con nome e numero del difensore italiano Giorgio Chiellini. Creato anch'esso da Interbrand, presenta uno stile minimalista e avveneristico[84] — l'astrazione grafica lo rende replicabile su qualsiasi sfondo, caratteristica che lo distingue dai modelli tradizionalmente usati dalle societa calcistiche europee (più simili a un scudo, retaggio dell'araldica civica)[85] — coniugando diversi elementi iconografici usati dal club in passato: è composto da un pittogramma che riproduce una lettera «J» maiuscola stilizzata — inserita negli anni 1940 sulle maglie di gioco,[20] e ormai divenuto un marchio commerciale bianconero[82] —, divisa in tre righe verticali[82] e ispirata in una frase dell'Avvocato Agnelli sul proprio rapporto con la Juventus;[86] queste s'incurvano fino a tratteggiare e proiettare i bordi di uno scudo francese antico, rimandando così allo scudetto e, implicitamente, alla vittoria come principale obiettivo societario[82] — motivo per cui è anche definita un'immagine gestaltica. [79] Nella stagione 1987-1988, in coincidenza con il novantenario del club, allo stemma venne temporaneamente aggiunta una corona ornamentale verde.[80]. [25], Nel 2011-2012 si torna invece alle origini, ma con una tonalità di rosa vivo molto accesa. Posted on 23/6/2007… Elenco che dimostra i numeri di maglia usati nell'arco della carriera del giocatore. Quella della stagione 2007\2008 sarà presentata il 22 agosto e, putroppo, sarà molto diversa da questa. Nel campionato successivo nomi e numeri dei calciatori ritornato gialli, mentre la divisa tradisce una certa ispirazione a quelle del Quinquennio d'oro, con l'adozione standard di pantaloncini bianchi e calzettoni neri; l'ispirazione alla squadra della prima metà degli anni 1930 prosegue nell'annata 2009-2010, con una maglia casalinga che ricalca, nella sua palatura composta da nove righe verticali più bordini bianchi,[24] quella resa iconica in primis dal Trio dei ragionieri.