La polizia sa che questa è una delle sue funzioni, ma sa anche che giustamente non la si può svolgere trascurando le indagini criminali e le chiamate di emergenza. Per allocare le pattuglie efficacemente, un comando esaminando i vari quartieri deve decidere, sulla base di dati di prima mano, dove aggiungere un uomo potrà fare la differenza nel promuovere senso di sicurezza. Qui un convinto scettico, pur riconoscendo che un efficace pattugliamento del genere possa mantenere un certo ordine, potrebbe ribadire che comunque si tratta di un «ordine» senza rapporti diretti con ciò che una comunità teme, ovvero la criminalità violenta. I poliziotti di pattuglia dovrebbero essere incentivati a spostarsi coi mezzi pubblici, e mentre stanno sull’auto bus o la metropolitana far rispettare i divieti di fumo, di bere in pubblico, disturbare e simili. The police and neighborhood safety» (The Atlantic, 1982), considerato a torto o a ragione una specie di Bibbia dell’ordine e sicurezza urbana, ispiratore delle cosiddette politiche di tolleranza zero e gentrificazione-speculazione negli ex quartieri popolari poveri. Un limite che si può più o meno definire così: la polizia esiste per contribuire a regolamentare i comportamenti, non per mantenere la purezza razziale o etnica di un quartiere. Dopo cinque anni dal varo del piano, la Police Foundation di Washington, D.C., pubblicava un bilancio di quelle attività di pattugliamento a piedi nei quartieri. Le persone per strada erano soprattutto neri, i poliziotti di pattuglia soprattutto bianchi. Inoltre, i residenti dei quartieri pattugliati a piedi si erano fatti un’opinione della polizia assai più favorevole di quelli che stavano nelle zone non pattugliate. L'adattatività applicata alla tutela … I rapporti tra polizia e cittadini sono migliorati: pare che su entrambi i fronti si sia imparato qualcosa dall’esperienza. Lo spostamento avviene lentamente e si completa in molti casi solo nel ventesimo secolo. HOME; Teorie sulla sicurezza urbana. Le organizzazioni degli inquilini ingaggiano ex agenti per pattugliare gli edifici. Quando la maniglia della finestra che aziona la cremonese di chiusura non funziona più correttamente possiamo intervenire con facilità. Ma dal nostro punto di vista, e da quello degli autori della ricerca pubblicata dalla Police Foundation (a cui aveva partecipato anche George L. Kelling), nessuno aveva preso in giro quegli abitanti di Newark. Molte di queste cose probabilmente non avrebbero superato un esame di legittimità. In alcuni quartieri è così bassa la fiducia, e così elevato il tasso di criminalità, da rendere pressoché inutile la pratica delle pattuglie a piedi, il meglio che si può fare è rispondere al massimo delle tantissime chiamate di emergenza. Ma ci si scorda piuttosto il legame, che pareva evidente alle generazioni precedenti, fra i due aspetti del mantenimento dell’ordine pubblico, e del contrasto alla criminalità. - Testa di diamante ad alta resistenza. c scrivi un nuovo post j post successivo/commento successivo k post precedente/commento precedente r Risposta e Modifica o mostra/nascondi commenti t torna a inizio pagina Non molto dopo l’inaugurazione, nel 1962, ci fu un grave deterioramento dei rapporti tra abitanti e polizia. L’ordine nel quartiere era importante, non solo per chi ci abitava e lavorava, ma anche per tanti altri che dovevano attraversarlo diretti verso casa, al supermercato, alle fabbriche. Il sindaco ha risposto che si è più volte confrontato sia con l’ex Prefetto Saccone e l’attuale Prefetto Gradone sia con il Questore Piccolotti in merito alla sicurezza urbana e, recentemente, anche sulle opportunità fornite dal decreto legge n°14/2017 per la stipula di patti interistituzionali. Zone di Chicago, New York, o Boston, subivano gli scontri tra bande criminali rivali, ma poi riconquistavano una normalità quando le famiglie, in assenza di soluzioni alternative, si riprendevano autorità su quelle vie. I mezzi per arrivarci sono gli stessi che impiegherebbero quei cittadini da soli, se sufficientemente determinati, coraggiosi, autorevoli. Si tratta di un collegamento analogo a quello dove da una sola finestra rotta si passa a molte finestre rotte. Sostituire una maniglia non è un’operazione difficile, richiede però precisione e calma, perché a volte l’installazione non è immediata.. Casi differenti Talvolta chiamano la polizia. Ma restano problemi, prima di tutto la presenza di bande giovanili che terrorizzano gli abitanti e reclutano aderenti in quartiere. Certo non tutto qui si confronta benissimo con un’idea di trattamento equo e di diritto, da nessun punto di vista. Camminare sulla strada dirigendosi verso un’auto della polizia e chinarsi sul finestrino significa segnalare molto chiaramente di essere un «delatore». "La rigenerazione urbana deve essere il nostro scopo, e il pubblico deve capire l'importanza dell'efficienza energetica e della sicurezza sismica". Per moltissimi decenni il ruolo di controllo della polizia non è stato giudicato principalmente sulla base dell’aderenza ad adeguate procedure, ma in termini di raggiungimento degli obiettivi desiderati. Essi sapevano quel che facevano le pattuglie di polizia a piedi, capivano la differenza con gli agenti in auto, capivano che così il quartiere diventava più sicuro. Susan Estrich, della Harvard Law School, ha recentemente comparato una serie di analisi dell’insicurezza percepita. Accade invece che una finestra incrinata rappresenti un segnale: non importa a nessuno che resti intera, e quindi si può accanirsi anche sulle altre senza esitazione (in fondo è tanto divertente). Considerava suo compito principale tener d’occhio i forestieri, oltre ad accertarsi che gli abituali devianti osservassero almeno al minimo alcune informali regole. » rivolto a uno dei ragazzi, che fingendo di non aver sentito si gira invece verso i suoi compagni, elaboratamente manifestando di non temere affatto l’autorità. Finestre di sicurezza. Lo spostamento avviene lentamente e si completa in molti casi solo nel ventesimo secolo. Poi ragazzini casualmente deruberanno gli ubriachi, ma i clienti delle prostitute saranno derubati con più violenza e per nulla casualmente. Concludendo, dovremmo prima di tutto tornare all’idea, da troppo tempo abbandonata, che la polizia debba proteggere le comunità, oltre che gli individui. L’azione sulle strade verrà plasmata nelle sue modalità dagli specifici criteri del quartiere, o dalle norme superiori della legge? «Beh, stai fuori dai guai Chuckie, eh?». Talvolta ciò che faceva Kelly si sarebbe potuto chiamare «applicare la legge», ma altrettante volte significava azioni informali, extralegali, per ristabilire ciò che nella zona tutti consideravano un adeguato livello di ordine pubblico. Certo esistono altre entità diverse dalla polizia per gestire i problemi posti da ubriachi e psicolabili, ma in gran parte dei quartieri, specie là dove c’è stato un processo di «de-istituzionalizzazione», quelle entità non operano. Là dove non si riesce ad arrivare ad un accordo del genere – o non lo rispetta – di solito può essere sufficiente la risposta delle ronde spontanee di cittadini. Un agente a piedi è profondamente integrato nella via e tra i passanti; rivolgersi a lui vuol dire mettere la sua uniforme, la sua personalità, immediatamente a servizio per ciò che sta avvenendo. Una cosa come i «diritti legali» in questa fase è applicata solo ai residenti regolari, e forse goduta dalla fascia alta della criminalità che può permettersi degli avvocati. La tacita alleanza si rafforza quando la polizia considera sé stessa e le bande come due poteri contrapposti che si scontrano per il controllo del territorio, scontro che le bande non vinceranno. Per usare le parole di un agente «Li cacciamo a calci nel sedere». I dati sulla criminalità e le indagini sulle vittime calcolano aspetti individuali, ma trascurano i danni collettivi. Come ha scritto Nathan Glazer, la proliferazione di questi disegni, anche se non si tratta di disegni osceni, pone il viaggiatore dei treni davanti all’idea che il posto dove starà per un’ora o più della sua giornata, non è controllato né controllabile, chiunque può invaderlo e far tutti i danni che vuole, che gli passano nella malevola testa. Verso la metà degli anni ’70 l’amministrazione statale del New Jersey varava un piano detto «. Quanto alla sicurezza urbana il ministro Minniti parla di “grande alleanza tra lo stato e gli enti locali” aggiungendo che in Italia “non c’è un’emergenza sicurezza” ma servono “politiche più attente di controllo”. Voli Fort Myers - Miami economici Confronta i prezzi di tutti i voli da Fort Myers a Miami, compagnie low cost, agenzie di viaggio e compagnie aeree tradizionali. Per chi cerca la sicurezza, uno scurone esterno abbinato a un sistema di serratura è la scelta ideale per proteggere una porta finestra. Gli psicologi hanno condotto parecchi studi sul perché la gente non accorre in aiuto di chi è aggredito o chiede assistenza, concludendone che la causa non è né «apatia» e neppure «egoismo», ma l’assenza di basi su cui poggiare una responsabilità personale. Ma insieme non far nulla davanti a schiere di ubriachi, centinaia di vagabondi, può portare alla distruzione di una intera comunità di quartiere. La seconda tradizione è quella dei «vigilanti», che nasce nelle cittadine della Frontiera nei periodi precedenti all’insediamento delle normali istituzioni e amministrazioni. Anche se non sa ancora di che genere di richiesta si tratti: può essere per una indicazione stradale, un aiuto, una denuncia, un insulto, un confuso balbettare, un gesto di minaccia. Sarebbe preoccupante vedere che la polizia si schiera su un fronte contro l’altro. Severamente vietato importunare, chiedere soldi, rivolgere la parola a chi aspettava l’autobus. Lo facevano in massima parte senza applicare leggi, vale a dire senza punire nessuno e senza usare la forza. Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. La teoria fu introdotta nel 1982 in un articolo di scienze sociali di James Q. Wilson e George L. Kelling[2]. Uno dei due Autori del presente articolo (Kelling) trascorse lunghe ore camminando insieme a queste pattuglie per Newark, a verificare cosa significasse, «ordine», e come veniva mantenuto. E il collegamento tra comportamenti devianti e paura non lo fanno solo gli anziani. Teoria dello spostamento; ... Teoria della finestra rotta. Un rischio concreto, sia a Newark che in tante altre città. Non ne siamo affatto certi. «E cosa fai qui di bello, Chuck?». La realtà degli incontri cittadini-poliziotti è però ben diversa, e profondamente alterata dall’automobile. Se iniziamo a ragionare su tutti gli aspetti dell’azione di polizia, considerandoli l’applicazione di norme universali e procedure, finiremo inevitabilmente per dubitare del concetto di «persona indesiderabile», e ci chiederemo perché mai si devono criminalizzare così l’ubriachezza o il gironzolare. Si possono considerare questi risultati la prova che gli scettici avevano visto giusto: il pattugliamento a piedi non aveva alcun effetto sui reati commessi; si limitava a convincere i cittadini che ci fosse maggior sicurezza. Certo fermare un singolo ubriaco o un vagabondo che non hanno aggredito nessuno pare ingiusto, probabilmente in un cereto senso è, ingiusto. di sicurezza personale dei cittadini. Più seria la preoccupazione per i problemi di eguaglianza. Ma bisogna considerare almeno due cose. Un caso piuttosto ambiguo, riferito dal, , riguarda ronde di cittadini nella zona di. Sino a non molto tempo fa, in alcuni casi ancora oggi, si effettuavano arresti di «persone sospette» o per «vagabondaggio» e «ubriachezza molesta», ovvero motivi privi di vero fondamento legale. La seconda risposta è parimenti di salvaguardia: moltissimi aspetti del mantenimento dell’ordine si gestiscono al meglio coinvolgendo poco o nulla la polizia. In secondo luogo, in una città comportamenti devianti e criminali in genere hanno rapporti inevitabili, in sequenza quasi lineare. Riteniamo che certi comportamenti «spontanei» non previsti conducano anche alla caduta dei meccanismi collettivi di controllo. Cerca tutti i prodotti, i produttori ed i rivenditori di Finestre di sicurezza: scopri prezzi, cataloghi e tutte le novità Sull’. L’esperienza ci dice che gran parte dei cittadini apprezza, poter parlare con un poliziotto. È una situazione in cui certo non è inevitabile, il passaggio in massa a reati più gravi e ad aggresioni ai forestieri. Teoria della Finestra Rotta e sicurezza urbana percepita (1982) George L. Kelling, James Q. Wilson / 11 Maggio 2018 Verso la metà degli anni ’70 l’amministrazione statale del New Jersey varava un piano detto «Quartieri ordinati e sicuri» concepito per migliorare la vita quotidiana e articolato sul territorio di 28 circoscrizioni urbane. Né violente, né necessariamente criminali, ma di sicuro soggetti dall’aria poco raccomandabile, dai comportamenti imprevedibili o turbolenti: che siano ubriaconi, accattoni, adolescenti di strada, tossici, prostitute, vagabondi, psicologicamente disturbati. Quelle pattuglie, a loro parere, si erano già dimostrate sbagliate: si riduceva la mobilità dei poliziotti e la capacità di rispondere alle chiamate dei cittadini, oltre ad allontanare gli agenti dispiegati sul territorio dal controllo diretto dei comandi. Nella prima fase ("il controllo") il luogo fu mantenuto ordinato, libero da graffiti, finestre rotte, ecc. In breve. In teoria, un poliziotto in macchina osserva esattamente come un altro a piedi; ancora in teoria, l’uno si rapporta a tante persone quanto l’altro. Lo conferma una qualunque mappa comparata di reati, sicurezza percepita, e dispiegamento della forza pubblica in una area urbana: non esiste alcun verificabile rapporto tra quelle «politiche della finestra rotta» e il recupero di abitabilità di un quartiere, le cose vanno per conto loro, o sembrano andare così, in un modo o nell’altro, un po’ come capita. Ma chi abitava nei villaggi pareva molto più propenso dei residenti di Chicago ad uscire di casa, a non aver troppa paura del crimine, a sostenere che la polizia locale avesse «il diritto di intervenire quando necessario» per risolvere i problemi, a ritenere che gli agenti «guardano alle necessità del cittadino medio». Le ondate di criminalità un tempo avevano insito una specie di meccanismo di autocorrezione: quartieri fortemente determinati a riaffermare un controllo del proprio territorio. Nonostante il degrado, le strade erano affollatissime di persone perché si trattava di un nodo di trasporti. Caccia alla banda che ha compiuto il furto nella casa di Paolo Rossi nella giornata dei funerali di Pablito. Il mantenimento dell’ordine inizia, in una certa misura, a convergere verso le «relazioni comunitarie». Avvertimi via email alla pubblicazione di un nuovo articolo. Salta il contenuto. Crediamo che sia un errore, questa voglia di «depenalizzare» comportamenti devianti ma che «non fanno male a nessuno», levando di torno l’unico strumento a disposizione della polizia per mantenere l’ordine in un quartiere. L'auto dei vigili con la finestra rotta ... and neighborhood safety» (The Atlantic, 1982), considerato a torto o a ragione una specie di Bibbia dell'ordine e sicurezza urbana, ispiratore delle cosiddette politiche di tolleranza zero e gentrificazione-speculazione negli ex quartieri popolari poveri. Si possono considerare questi risultati la prova che gli scettici avevano visto giusto: il pattugliamento a piedi non aveva alcun effetto sui reati commessi; si limitava a convincere i cittadini che ci fosse maggior sicurezza. Gli adolescenti chiassosi venivano invitati a star più tranquilli. Dice «Tu, vieni qui» rivolto a uno dei ragazzi, che fingendo di non aver sentito si gira invece verso i suoi compagni, elaboratamente manifestando di non temere affatto l’autorità. Nel 1994 il neoeletto sindaco di New York Rudolph Giuliani, con l'aiuto del commissario Bill Bratton, applicò la teoria delle finestre rotte per combattere il crimine nella metropolitana della città. Essere un funzionario, un «vero poliziotto» pare conferire un senso del dovere, un’aura di autorità, necessari a svolgere questo difficile compito. È piuttosto difficile riflettere su argomenti del genere, non solo per la complessità degli aspetti etici e delle questioni legali, ma perché siamo abituati a pensare la legge in termini sostanzialmente individualisti: la legge definisce i. comportamento. Dall’altro in nessun caso, nemmeno nei più organizzati, si comunica il senso di responsabilità che emana da una divisa ufficiale. L’auto arriva a un angolo di strada dove si radunano gli adolescenti, cala il finestrino e un agente guarda fuori, guardato a sua volta. - Testa di martello interamente in metallo, semplice e generosa, ampia applicabilità. Sulla base di una analisi campionaria su un progetto pilota sviluppato a Newark, si concludeva, senza sorpresa per nessuno, che non si era affatto ridotta la criminalità. Di sicuro però alcuni gruppi di guardiani hanno deviato in quel senso il proprio operare, ed altri potranno forse farlo in futuro. Non abbiamo purtroppo alcun dato degli effetti di queste attività sul crimine. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra (cookie URBANI ovviamente) maggiori informazioni Accetto. Ai poliziotti gli incarichi vengono conferiti sulla base dei tassi di criminalità (vale a dire che si escludono zone poco a rischio per puntare su quelle praticamente senza speranza) o in relazione alle chiamate di servizio (nonostante il fatto che nessuno poi chiami la polizia se è soltanto spaventato o infastidito). Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo. «Niente, niente». Davanti al negozio di liquori si comincia a farmersi per bere e ubriacarsi, qualcuno casca a terra e lo si lascia star lì a smaltire la sbronza sul marciapiede I passanti vengono importunati da accattoni. In un altro quartiere le regole potevano essere diverse, ma qui valevano quelle, capivano tutti. Ma insieme non far nulla davanti a schiere di ubriachi, centinaia di vagabondi, può portare alla distruzione di una intera comunità di quartiere. Trova le migliori offerte di voli da La Serena a Miami con Jetcost! Avvertimi via email in caso di risposte al mio commento. I l Governo cerca di rilanciare i divieti di avvicinamento del Questore introdotti nel 2014 e … Un tipo di scelta più efficace dell’ingaggiare guardie private, e il caso di Newark aiuta a capire perché. Ora spetta agli amministratori locali prendere atto di questo importante cambiamento di rotta. Una, condotta a Portland, Oregon, indicava come tre quarti degli intervistati attraversasse la strada per spostarsi sull’altro lato, vedendo un gruppo di adolescenti; un altro studio a Baltimora, ha rilevato come quasi la metà del campione attraversa allo stesso modo la strada anche per evitare l’incontro con un solo adolescente sospetto. Qualunque cosa non presidiata diventa facile preda di chiunque abbia o voglia di divertirsi, o di rubacchiare, anche di chi in genere non si sognerebbe neppure di pensarle, queste azioni, e si considera persona irreprensibile. Un cambiamento che inizia quando nascono gli investigatori privati (spesso ex criminali), che operano a pagamento standard per conto di chi ha subito dei furti. La teoria fu introdotta nel 1982 in un articolo di scienze sociali di James Q. Wilson e George L. Kelling Si tratta di individuare quei quartieri che si collocano a un punto di svolta: dove l’ordine pubblico si sta sgretolando, ma ancora non è arrivato a un punto di non ritorno, dove ancora si circola molto per le strade, anche se con molto nervosismo, dove qualche finestra rischia di essere rotta [corsivo del traduttore] e la si deve invece riparare in fretta, per far sì che non ne vengano rotte tante altre. Nel quadro di quel piano, lo Stato erogava risorse alle città perché spostassero forze di polizia dalle pattuglie in auto ai controlli diretti sul territorio a piedi. I vetri rotti non esistono solo in abbondanza là dove abitano accaniti tiratori di fionda, mentre altrove dominano gli amanti delle finestre. Ma: come è possibile che una zona sia «più sicura», se il tasso di criminalità non scende, anzi a volte addirittura sale? Per rispondere a questa domanda occorre prima capire cosa spaventa di più le persone nello spazio pubblico. In secondo luogo, in questo primo periodo la polizia sostiene il recupero di controllo degli abitanti anche intervenendo con violenza. Mentre scoprire e reprimere criminali, per contro, era agire per un obiettivo definito, non un obiettivo in sé; si sperava nella conclusione con una condanna, o una eventuale assoluzione di innocenza, per questa applicazione della legge. Le persiane Cocif sono opzionabili con sistemi di sicurezza aggiuntiva: rostri antistrappo, protezioni alle stecche, serrature di sicurezza. Controllo del vicinato ed efficacia collettiva 5. Sicurezza urbana, la nuova rotta del Daspo. Non possiamo far altro, che sperare nella possibilità di inculcare negli operatori di polizia – attraverso selezione, formazione, supervisione – un chiaro senso dei confini della discrezionalità nel proprio agire. ), nessuno aveva preso in giro quegli abitanti di Newark. Qui un convinto scettico, pur riconoscendo che un efficace pattugliamento del genere possa mantenere un certo ordine, potrebbe ribadire che comunque si tratta di un «ordine» senza rapporti diretti con ciò che una comunità teme, ovvero la criminalità violenta. Negli anni ’60, quando le rivolte urbane sono un grosso problema, gli studiosi di questioni sociali iniziano ad analizzare attentamente il ruolo della polizia nel mantenimento dell’ordine, e a suggerire metodi per renderlo più efficace: non mantenere le strade sicure (la funzione originaria) ma ridurre gli effetti della violenza di massa. Col tempo, questa professionalità viene assorbita dalle amministrazioni municipali, che pagano agli investigatori un regolare salario invece di una occasionale commessa, e la responsabilità di perseguire i criminali si sposta dal privato danneggiato a un operatore pubblico professionista. Motore utilizzato WordPress. Nelle vie e negli spazi pubblici, là dove l’ordine è tanto importante, capita che ce ne sia parecchia di gente «attorno», e la cosa riduce la possibilità che qualcuno agisca in nome della comunità. Il termine sicurezza, etimologicamente dal latino sine cura, indica l’assenza di un qualsiasi timore esistenziale, di pericolo ovvero ciò che suscita tranquillità; esso tende a richiamare sensazioni contrapposte in quanto associato ad immagini positive o all’insorgenza di situazioni di negatività e sofferenza. E approcciare con uno stile più pragmatico ai tavoli per la promozione della sicurezza urbana integrata avviandosi, finalmente, alla nuova stagione dei patti per la sicurezza 2020/2021 “privacy by design”. Mentre l’uniforme del poliziotto lo qualifica come colui che la responsabilità se la deve prendere, davanti a una richiesta. Presto, più rifiuti si accumuleranno, alla fine, sempre più persone inizieranno a lasciare un numero sempre maggiore di sacchi di rifiuti, provenienti perfino dai ristoranti e altri esercizi commerciali, fino a sommergere le auto in sosta” Immagina un edificio con alcune […] Molti tra le forze dell’ordine, tra l’altro, non apprezzavano affatto le pattuglie a piedi per diversi ovvi motivi: si faticava di più, si stava anche al freddo, di notte, sotto la pioggia, oltre a limitare le possibilità di qualche «arresto dimostrativo». Non ha senso perché non tiene conto del rapporto tra la singola «. E per superare le paure le persone si evitano, si ignorano, indebolendo ulteriorimente il controllo.