Avevamo lasciato Ciro Di Marzio sprofondare nelle acque del Golfo di Napoli dopo il colpo di pistola sparato da Gennaro Savastano. ... Giuseppe Aiello Ciro bambino. Il film “L’immortale” Ciro di Marzio in Gomorra non muore. Recensione di Andrea Fornasiero, legge Roberta Azzarone. Ciro di Marzio, detto l'Immortale, è stato ripescato dopo il colpo di pistola in petto ricevuto da Genny e la caduta nelle acque della costa di Napoli. L'IMMORTALE La storia di Ciro Di Marzio e della sua educazione criminale, di quell'uomo violento e allo stesso tempo tenero e compassionevole, emblema sia del male che dell'eroe. L’immortale: la Conferenza Stampa con Marco D’Amore. Deve recuperare il tempo perduto, e si dedica ad affari fuori dall'Italia dando vita, in poco tempo, ad un florido traffico che lo fa sentire nuovamente importante. Ciro di Marzio, detto L'immortale è stato ripescato dopo il colpo di pistola in petto ricevuto da Genny e la caduta nelle acque della costa di Napoli. E' il 1980, la terra trema, il palazzo crolla, ma sotto le macerie si sente il pianto di un neonato ancora vivo. Ciro's body is slowly sinking in the Gulf of Naples. “L’Immortale” si prepara a tornare. L’Immortale è un viaggio all’inferno, senza ritorno. Ok, rieccoci. Un personaggio ingombrante, l’immortale. Ricordi vividi di un educazione criminale che l'hanno reso ciò che è: Ciro Di Marzio, l'Immortale. Il personaggio di Ciro non muta dal piccolo al grande schermo, mantenendo il tono e il carattere che i fan hanno imparato ad amare. Anche se siamo stati delusi quella morte ci pacificava: difficile avere a che fare con l’immortalità. In cinque giorni al cinema, “L’Immortale” di Marco d’Amore ha fatto registrare oltre 400.000 presenze in sala. L’Immortale è l’innovativo film che segna il ritorno – sul grande schermo – di uno dei personaggi più amati della serialità italiana: Ciro Di Marzio, ovvero “l’immortale”, protagonista di tre stagioni di Gomorra prima che il suo personaggio uscisse, definitivamente, di scena. L'Immortale, la video recensione. Dieci anni più tardi, ritroviamo quel bambino ormai cresciuto, mentre sopravvive come può alle strade di Napoli, figlio di nessuno. L'Immortale è il film di e con Marco D'Amore, che torna nei panni di Ciro Di Marzio, da Gomorra direttamente al grande schermo. Il personaggio di Ciro non muta dal piccolo al grande schermo, mantenendo il tono e il carattere che i fan hanno imparato ad amare. Dal 5 dicembre nelle sale. Una contrapposizione cromatica tra i colori della sua città, che rivivono nei flashback di lui bambino, e la luce “irreale” della città lituana. È indipendente rivolto anche a chi non si è mai imbattuto nel progetto televisivo di Gomorra – La Serie .” Quest’ultima è innestata nella trama mediante flashback. L'immortale segna il suo esordio dietro la macchina da presa. Qui Ciro lavorerà al servizio dei russi mediante Don Aniello e ritroverà Bruno, un uomo già protagonista di importanti fasi della sua infanzia. Ciro di Marzio, detto l'Immortale, è stato ripescato dopo il colpo di pistola in petto ricevuto da Genny e la caduta nelle acque della costa di Napoli. Ciro di Marzio è vivo ed è tornato, e questa volta lo fa al cinema con il film L'Immortale, diretto e interpretato da Marco D'Amore nelle sale cinematografiche dal 5 dicembre. L’immortale (2019) un Film di Categoria Drammatico Ideato in Italy, Germany, la durata di questo film è 116 min.. il film diretto e interpretato da Marco D’Amore, è ispirato al personaggio di Ciro di Marzio di Gomorra – La serie ed è il primo progetto che segna il punto di incontro tra cinema e TV. Un proiettile in pieno petto non ha fermato quindi Ciro, che da quelle acque, come lasciava intuire anche il primissimo teaser de L'immortale, viene fuori.La storia spinge quindi quest'uomo che ormai non ha più voglia di vivere a viverla, una nuova vita. L’Immortale racconta uno dei suoi personaggi più controversi ed amati, Ciro Di Marzio. Dopo aver ricevuto il colpo di pistola da Genny, il corpo di Ciro viene buttato in mare e … Ne L’Immortale l’azione si sposta a Riga, Lituania, dove Ciro, in un esilio forzato, diventa intermediario tra Don Aiello e la mafia russa in lotta con la criminalità locale. L’Immortale: la Recensione del film di Marco D’Amore. Ciro Di Marzio, temuto boss di Secondigliano, è uno che dalla vita è stato miracolato sin dalla nascita tanto da essere presto soprannominato "l'immortale" per aver visto la morte in faccia così da vicino ma per esservi scampato per un soffio. Trama. Dopo la sua morte in “Gomorra”, Ciro di Marzio “risorge” dando vita ad un film intenso (e super atteso). Dieci anni più tardi, ritroviamo quel bambino ormai cresciuto, mentre sopravvive come può alle strade di Napoli, figlio di nessuno. L’Immortale è un film del 2019, scritto, diretto e interpretato da Marco D’Amore, il Ciro Di Marzio di Gomorra.. Il film è stato un autentico successo al cinema, al punto da diventare subito film-record di incassi al suo debutto nei botteghini. Don Aniello gli spiega che la sua resurrezione gli permette quello che per altri è solo un sogno: ripartire da capo. Il successo del film in dieci frasi Continua senza sosta al cinema la galoppata trionfale de “ L’Immortale “ , film in cui Marco d’Amore (all’esordio dietro la macchina da presa) riprende i panni di Ciro … Ciro Di Marzio «l'immortale» è vivo: «Ecco perché non lo uccide nessuno» ... Nel montaggio frenetico del trailer ecco Ciro bambino, stessa felpa col cappuccio, stessi occhi brucianti. L'immortale di Marco D'Amore è al cinema dal 5 Dicembre. Directed by Marco D'Amore. Creduto morto, Ciro Di Marzio ritorna sulla scena facendo capire perchè viene chiamato L'Immortale. Protagonista assoluto, neanche a dirlo, è Ciro di Marzio, interpretato da Marco D'Amore e da Giuseppe Aiello da bambino. Ricordi vividi di un’educazione criminale che l'hanno reso ciò che è: Ciro Di Marzio, l'Immortale. Era il finale della terza stagione di Gomorra. Si tratta, appunto, proprio di Ciro, il quale, dopo quell’avvenimento, verrà soprannominato L’Immortale. È l’insostenibile leggerezza di un essere perseguitato dalla morte e dall’inganno, sin dall’adolescenza.E che a sua volta diventa killer e burattinaio. «L'Immortale», cast. Vero e proprio esperimento cross-mediale come forse non se ne sono mai realizzati, si propone come un film assolutamente autonomo. Marco D'amore presenta L'immortale: suo esordio alla regia e primo autentico spin-off dall'Universo Gomorra. As he … With Marco D'Amore, Giuseppe Aiello, Salvatore D'Onofrio, Gianni Vastarella. Accantonati allora incipit e coda, "L’immortale" colloca la sua azione a Riga, capitale della Lettonia. Chi non muore si rivede. Marco D'Amore è interprete, regista e co-sceneggiatore del film. Ciro di Marzio, detto l’Immortale, è stato ripescato dopo il colpo di pistola in petto ricevuto da Genny e la caduta nelle acque della costa di Napoli. Ricordi vividi di un’educazione criminale che l'hanno reso ciò che è: Ciro Di Marzio, l'Immortale. Tutti noi spettatori, in cerca di emozioni forti, abbiamo creduto alla sua morte. La nostra recensione del primo autentico spin-off della serie Gomorra. «L'Immortale», quando esce al cinema il film su Ciro di «Gomorra» Annunciato da tempo, il film arriva nelle sale il 5 dicembre. L’immortale [HD] (2019), è un Film made in Italy, Germany di genere Drammatico, il film diretto e interpretato da Marco D’Amore, è ispirato al personaggio di Ciro di Marzio di Gomorra - La serie ed è il primo progetto che segna il punto di incontro tra cinema e TV.Un film basato sulla cross-medialità che rappresenta un ponte di collegamento tra la quarta e la quinta stagione della serie. Ora, dopo la quarta stagione della serie, scopriamo (a dire il vero con poca sorpresa) che l’immortale lo è … Trama. Ovvero: il preludio della quinta stagione, dedicato interamente alla figura di Ciro Di Marzio, tra passato, presente e futuro. Scheda film L'immortale (2019): leggi recensione, trama, cast, guarda il trailer e scopri il rating del film diretto da Marco D'Amore. Ecco come gli autori ci hanno raccontato la genesi del film dedicato al personaggio di Ciro di Marzio, con una speciale domanda alla sceneggiatrice Maddalena Ravagli. La pellicola è scritta, diretta e interpretata da Marco D’Amore, nella serie Ciro Di Marzio, ai secoli l’Immortale, nemico/amico del boss Genny Savastano. Dieci anni più tardi, ritroviamo quel neonato ormai cresciuto, mentre sopravvive come può alle strade di Napoli, figlio di nessuno.